Le nuove tendenze 2018: realtà immersiva, 5G, siti immersivi

La smart factory, composta da smart production, smart service e smart energy rappresenta il nuovo modello di Industria 4.0 a cui le aziende riferimento per essere innovative e all’avanguardia. Le tecnologie stanno influenzando il modo di lavorare e di impiegare operai ed impiegati, pensiamo ai processi produttivi, gli operai adottano procedure sempre più tecnologiche per produrre beni e servizi spendendo meno tempo e lavorando con maggiore sicurezza, oppure pensiamo alla rivoluzione del web, l’introduzione di chatbot o altri strumenti di confronto veloce e immediato per rispondere alle esigenze dei clienti.
Il nuovo modo di vivere incentrato sulla velocità delle informazioni rappresenta la nuova quarta rivoluzione industriale.

Abbiamo studiato le nuove tendenze del 2018: le realtà aziendali, soprattutto le PMI, stanno utilizzando sempre di più l’Intelligenza Artificiale (AI) e la realtà immersiva non solo per dare una nuova comunicazione dell’azienda ma anche per velocizzare processi e lavorazioni.

Dall’inizio di questo 2018 molte realtà stanno facendo attivamente ricerca e sviluppo per trovare soluzioni software e hardware per vivere la realtà virtuale, ad esempio, i nuovi visori tendono ad essere sempre meno ingombranti, le grafiche sempre più realistiche e le reti sempre più veloci. Negli ultimi giorni si sta parlando moltissimo della sperimentazione 5G. Fastweb con Ericsson hanno lanciato a Roma il primo test che apre le porte ad una nuovissima interattività e connettività. Grazie a questo esperimento le informazioni virtuali potranno essere più veloci e anche più realistiche, #Roma5G si concentrerà principalmente sullo sviluppo di tecnologie per migliorare gli strumenti di sicurezza, la mobilità urbana ed i servizi dedicati al turismo. I video a 360 gradi saranno la nuova frontiera turistica, chiunque potrà guardare virtualmente la città e i siti poco accessibili.

La rivoluzione interessa soprattutto le persone. Come e cosa sta accadendo alle nostre vite?

Stiamo interagendo sempre di più con l’intelligenza artificiale, grazie all’interconnessione dei diversi smart devices che possediamo, è possibile avere un costante controllo dei nostri parametri vitali, indispensabile per prevenire determinate patologie in persone a rischio. L’interesse verso la realtà virtuale cresce sempre di più. Soprattutto i più giovani sperimentano l’immersivismo nel mondo ludico. Le ultime novità del mercato videoludico sono in grado di portare l’utente in un’esperienza immersiva e profonda all’interno del videogioco e di poter interagire virtualmente con i propri compagni di gioco. In entrambi i casi, si può notare come alcuni giochi, grazie alla velocità di rete, diventano più reali perché l’enorme mole di dati che attraversano le diverse connessioni permettono un’esperienza lineare e senza “salti o lag”. Troviamo conferma della direzione che la ricerca sta prendendo dagli investimenti che i diversi colossi del mercato stanno effettuando, continuando ad alzare l’asticella della sfida sull’innovazione. Proprio ora si sta svolgendo la battaglia fra le diverse aziende al Mobile World Congress di Barcellona, dove poche ore fa Huawei ha lanciato il guanto di sfida ad Intel e Qualcomm, dichiarando l’intenzione di lanciare il primo dispositivo 5G nella seconda metà dell’anno, con un chip self-made.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *