Le nuove tendenze 2018: realtà immersiva, 5G, siti immersivi

La smart factory, composta da smart production, smart service e smart energy rappresenta il nuovo modello di Industria 4.0 a cui le aziende riferimento per essere innovative e all’avanguardia. Le tecnologie stanno influenzando il modo di lavorare e di impiegare operai ed impiegati, pensiamo ai processi produttivi, gli operai adottano procedure sempre più tecnologiche per produrre beni e servizi spendendo meno tempo e lavorando con maggiore sicurezza, oppure pensiamo alla rivoluzione del web, l’introduzione di chatbot o altri strumenti di confronto veloce e immediato per rispondere alle esigenze dei clienti.
Il nuovo modo di vivere incentrato sulla velocità delle informazioni rappresenta la nuova quarta rivoluzione industriale.

Abbiamo studiato le nuove tendenze del 2018: le realtà aziendali, soprattutto le PMI, stanno utilizzando sempre di più l’Intelligenza Artificiale (AI) e la realtà immersiva non solo per dare una nuova comunicazione dell’azienda ma anche per velocizzare processi e lavorazioni.

Dall’inizio di questo 2018 molte realtà stanno facendo attivamente ricerca e sviluppo per trovare soluzioni software e hardware per vivere la realtà virtuale, ad esempio, i nuovi visori tendono ad essere sempre meno ingombranti, le grafiche sempre più realistiche e le reti sempre più veloci. Negli ultimi giorni si sta parlando moltissimo della sperimentazione 5G. Fastweb con Ericsson hanno lanciato a Roma il primo test che apre le porte ad una nuovissima interattività e connettività. Grazie a questo esperimento le informazioni virtuali potranno essere più veloci e anche più realistiche, #Roma5G si concentrerà principalmente sullo sviluppo di tecnologie per migliorare gli strumenti di sicurezza, la mobilità urbana ed i servizi dedicati al turismo. I video a 360 gradi saranno la nuova frontiera turistica, chiunque potrà guardare virtualmente la città e i siti poco accessibili.

La rivoluzione interessa soprattutto le persone. Come e cosa sta accadendo alle nostre vite?

Stiamo interagendo sempre di più con l’intelligenza artificiale, grazie all’interconnessione dei diversi smart devices che possediamo, è possibile avere un costante controllo dei nostri parametri vitali, indispensabile per prevenire determinate patologie in persone a rischio. L’interesse verso la realtà virtuale cresce sempre di più. Soprattutto i più giovani sperimentano l’immersivismo nel mondo ludico. Le ultime novità del mercato videoludico sono in grado di portare l’utente in un’esperienza immersiva e profonda all’interno del videogioco e di poter interagire virtualmente con i propri compagni di gioco. In entrambi i casi, si può notare come alcuni giochi, grazie alla velocità di rete, diventano più reali perché l’enorme mole di dati che attraversano le diverse connessioni permettono un’esperienza lineare e senza “salti o lag”. Troviamo conferma della direzione che la ricerca sta prendendo dagli investimenti che i diversi colossi del mercato stanno effettuando, continuando ad alzare l’asticella della sfida sull’innovazione. Proprio ora si sta svolgendo la battaglia fra le diverse aziende al Mobile World Congress di Barcellona, dove poche ore fa Huawei ha lanciato il guanto di sfida ad Intel e Qualcomm, dichiarando l’intenzione di lanciare il primo dispositivo 5G nella seconda metà dell’anno, con un chip self-made.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ecco i 5 modi di vedere un contenuto multimediale a 360 gradi.

Realtà immersiva, realtà aumentata, video e foto a 360 gradi, ogni giorno veniamo bombardati da queste nuove tecnologie.

Facebook, YouTube ospitano ogni giorno contenuti multimediali a 360 gradi, e noi, per metterci al passo con le nuove emergenti tecnologie acquistiamo Smartphone, Camere, Visori per poter vedere, interagire e giocare con questi contenuti immersivi. Da qualche tempo anche le case produttrici di giochi stanno sperimentando e lanciando teaser e trailer con le prime tecnologie immersive, in pochi mesi, stiamo assistendo ad una vera e propria corsa alla nuova realtà virtuale. Abbiamo fatto un elenco dei principali device utilizzati per il 360, le applicazioni, qualche costo e ci siamo concentrati sui principali vantaggi e svantaggi dell’uso da parte dell’utente.

GOOGLE CARDBOARD.

Uno dei primi visori nati per far emozionare l’utente e sperimentare la realtà virtuale. Il costo di questi device è molto basso, talvolta sono sufficienti pochi euro per acquistarne uno. Sono strumenti leggeri e semplici da montare. Per usufruire di un contenuto a 360 gradi occorre semplicemente mettere lo smartphone nell’apposito alloggiamento e l’utente potrà guardare una foto o un video a 360 gradi. Per muoversi all’interno del video l’utente deve muovere la testa come se fosse immerso nella realtà.

Vantaggi: costa poco; facile da montare; compatibile con un gran numero di dispositivi; utile per foto e video a 360 gradi.

Svantaggi: non esiste audio; esperienza non del tutto immersiva, a metà fra l’ambiente circostante e il contenuto che si sta visualizzando; la percezione dello spazio è alterata dopo l’utilizzo prolungato.

Cardboard per realtà virtuale

HTC VIVE.

Questo visore è stato uno dei primi nel suo genere: oltre al semplice visore per la realtà virtuale, l’HTC Vive viene utilizzato insieme a due controller che ci permettono di muoverci all’interno dell’ambiente virtuale. Il prodotto è nato nel 2016 dalla collaborazione fra l’azienda software di Gabe Newell (Valve Corporation) e HTC, azienda leader nel mercato degli Smartphone e della realtà virtuale. Tecnicamente parlando, è un prodotto innovativo, con un display OLED con risoluzione 2160×1200 e frequenza di aggiornamento di 90Hz. Il movimento all’interno dell’ambiente virtuale è gestita da 32 sensori, che traccia con estrema precisione ogni movimento all’interno dello spazio a 360°. Data la natura della collaborazione, questo prodotto è stato creato con l’obiettivo principalmente videoludico (con oltre 60 giochi che supportano questa periferica), ma permette una fruizione di materiale multimediale a 360° (come video e immagini) senza pari rispetto alla concorrenza.

Vantaggi: esperienza senza pari, facendo vivere una sensazione all’utente mai vissuta prima; possibilità di movimento all’interno dell’ambiente virtuale (se quest’ultimo lo permette), grazie all’utilizzo dei due controller; audio spaziale presente;

Svantaggi: Prezzo proibitivo; ingombrante il montaggio della periferica, oltre al numero di cavi che limita i movimenti; difficile da portare con sé viste la dimensione e il numero dei diversi elementi;

htc vive per realtà immersiva

PLAYSTATION VR.

Già dal 2014, con la presentazione al Game Developers Conference, era stato comunicato al pubblico l’intenzione di lanciare sul mercato un prodotto nell’ambito della realtà virtuale da parte del colosso giapponese Sony, con il nome di Project Morpheus. Oggi, conosciuto con il nome di Playstation VR, questo visore sta entrando nelle case di milioni di persone in tutte il mondo, rendendo alla portata di tutti (o quasi) la fruizione immersiva di contenuti a 360°. Dotato di un display OLED e con un campo visivo di circa 100°, il visore ci permette di entrare in ambienti virtuali, permettendo anche il movimento grazie ad un gamepad o ai Controller PlayStation Move, periferiche già sul mercato dal lontano 2010 a cui è stata donata nuova vita dopo il dubbio successo del sistema PSMove, nato per contrastare il metodo di iterazione proposto pochi anni prima dalla console Nintendo Wii. Visto il grande numero di giochi per la console PlayStation 4 che stanno uscendo negli ultimi mesi, il prodotto sta avendo un grande successo tra i videogiocatori. Come per il prodotto precedentemente presentato, anche il Playstation VR permette la fruizione di diversi contenuti multimediali a 360°, anche se il suo obiettivo principale è creare un’esperienza videoludica unica nel suo genere.

Vantaggi: esperienza immersiva all’interno dell’ambiente virtuale a 360°; possibilità di visualizzare video 2D in modalità cinema; audio spaziale presente; prezzo competitivo rispetto ai competitors…

Svantaggi: … ma comunque alto, visto che non è possibile utilizzarlo senza un sistema PlayStation 4; visore non adatto a sessioni prolungate, dovuto al visore non ben aerato; montaggio della periferica non immediato, visto il tempo necessario al collegamento di tutti i cavi; movimenti limitati, dovuti ai cavi del visore e del gamepad, nel caso non si disponesse dei Controller PlayStation Move.

playstation VR per realtà immersiva

SAMSUNG GEAR VR.

In ambito Mobile, possiamo trovare un’infinità di visori per realtà virtuale più o meno validi. Degno di nota è il Samsung VR, prodotto innovativo dell’azienda Samsung, che permette la fruizione di contenuti multimediali e l’iterazione in ambito videoludico. Nato nel novembre 2015 in collaborazione con l’azienda leader nella realtà virtuale Oculus, oggi è sul mercato la versione 2017, lanciata in concomitanza con Samsung S8. Dotato diversi sensori che permettono il tracciamento nell’ambiente a 360° (come accelerometro, sensore di prossimità e giroscopio), possiede 2 lenti da 42mm con un campo visivo di circa 101°. Una considerevole differenza introdotta rispetto agli altri visori per il mercato Smartphone, è la presenza di un telecomando che ci permette di interagire con l’ambiente virtuale in cui siamo immersi. Il parco delle APP relative al mondo virtuale che possiamo trovare all’interno del mondo Android è ampio, permettendoci di variare la nostra esperienza fra videogiochi e cortometraggi, fino ad arrivare a soluzioni social, che permettono di interagire con altri utenti.

Vantaggi: prezzo ridotto per un prodotto che permette un’esperienza immersiva di alto livello; varietà di applicazioni dedicate; introduzione di un controller, novità per il mercato dei visori per Smartphone.

Svantaggi: esperienza non al livello di competitors per PC e console; scomodità legata al sistema di fissaggio della periferica alla testa che consiste in una fascia poco stabile; audio non presente; vincolato al possesso di un dispositivo Samsung di ultima generazione.

samsung-gear

COPERNIKO.

Fino ad ora abbiamo parlato di prodotti costosi o legati ad un sistema in particolare. All’interno di questi sistemi per la realtà virtuale, si posiziona Coperniko, la tecnologia innovativa che permette la fruizione di contenuti multimediali a 360° come video e immagini. La tecnologia si basa sul tracciamento dei movimenti della testa, permettendo di muoversi all’interno di ambienti virtuali senza dover utilizzare o montare periferiche fisiche: si necessita solo di un computer e di una webcam. Ad oggi, Coperniko permette la fruizione di video/immagini 360° o il movimento all’interno di tour virtuali, ma le sue potenzialità sono infinite, sia in ambito sia di applicazioni per computer o mobile, sia nel sempre più crescente ambito videoludico. Questa tecnologia ci permette di visualizzare i contenuti prima descritti senza l’installazione di nessun software, direttamente dal nostro browser e indipendentemente dal sistema operativo che stiamo utilizzando.

Vantaggi: gratuito; utilizzabile da qualsiasi sistema operativo; non necessita di scaricare nessun software e/o di installare periferiche fisiche; permette di vivere un’esperienza immersiva in un ambiente a 360° senza dover essere vincolati all’estraneazione dal mondo reale

Svantaggi: non abbiamo trovato svantaggi. La tecnologia è applicabile su qualsiasi device e l’utente non si sente “fuori dalla realtà”.

Coperniko muovi la testa e guarda foto e vidoe a 360 gradi

Abbiamo provato tutti i device e tecnologie descritte e possiamo affermare che Coperniko è il più semplice ed economico da utilizzare! Provate questo video

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Spedizione umana su Marte? Prime prove con la realtà aumentata.

Da qualche mese la NASA ha deciso di puntare le forze e le risorse per la prima spedizione umana su Marte, le difficoltà non sono poche, ma da oggi fino al 2030 si effettueranno studi con la realtà aumentata.

Tutti i film di fantascienza ci hanno sempre regalato momenti di suspence con alieni buoni o cattivi provenienti dal Pianeta Rosso. Ma perché questi scenari? Dai molti studi si è evinto che Marte ha una conformazione terreste simile alla Terra, inoltre, le immagini delle sonde e le spedizioni confermano la presenza di catene montuose e ghiaccio. La NASA, dopo aver fatto analisi e test farà il primo viaggio spaziale con una spedizione umana nel 2030.

Le difficoltà sono tante, dalla partenza all’atterraggio, dalla distanza da percorrere a come vivere sul pianeta. Il 2030 sarà una data importante per la storia dell’umanità, così come accadde nel 1968 con la prima spedizione sulla Luna. La realtà aumentata sta aiutando gli scienziati per studiare meglio il territorio marziano. Grazie a particolari lenti ed alle immagini riprese dalle sonde uno scienziato potrà simulare la camminata sul territorio marziano, calibrare l’equilibrio ed interagire con la superficie di un altro pianeta.

La realtà aumentata e la realtà immersiva non servono solamente per giocare e divertirsi, come molti pensano ed utilizzano, ma servono anche per condurre ricerche tecniche e scientifiche. In questo specifico caso, gli scienziati sono in grado di provare l’emozione di una scalata sul suolo montuoso di Marte di comprendere la pericolosità di un’area o di sentirsi al sicuro dai forti venti.

Pensate che un giorno tutti noi potremo provare questa emozione!

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Premio innovazione SMAU Torino 2016 con Coperniko

Intervista SMAU Torino 2016

Il CEO di AT MEDIA e l'assessore del Comune di Alessandria premiati allo SMAU Torino 2016.

Il CEO di AT MEDIA e l’assessore del Comune di Alessandria premiati allo SMAU Torino 2016.

Durante l’edizione di SMAU Torino 2016, tenutasi il 30 giugno e 1 luglio presso la fiera Lingotto, il Comune di Alessandria ha ricevuto, dopo attenta valutazione, il Premio Innovazione SMAU. L’evento fieristico è nato negli anni ’60 ed a partire dal 2015 lo SMAU è diventato attore protagonista anche sui mercati esteri. L’ambito di riferimento è quello per l’innovazione per le imprese, enti locali e pubblica amministrazione. L’adesione e la partecipazione al Premio innovazione richiede una serie di regole e criteri di selezione molto importanti. Il progetto deve essere innovativo, nuovo e tecnologico.

Durante i primi mesi del 2016 il Comune di Alessandria ha permesso le riprese delle Sale d’arte del Comune con la tecnologia a 360 gradi e l’algoritmo Coperniko. Il risultato finale, lanciato a maggio e premiato a SMAU Torino è stato Experientia: un modo di visitare ambienti virtuali a 360 gradi aprendo hotspot con il movimento della testa e senza usare mouse o tastiera.

La presentazione agli speed pitching, la presenza al Corporate Meeting del Polo Innovazione Ict di Torino e la premiazione del Comune di Alessandria hanno dato enorme visibilità al prodotto Coperniko, presente in fiera allo stand B04 e molte sono state le interviste ed i visitatori italiani e stranieri, presentatori e VIP che hanno voluto provare l’emozione.

Inizialmente molti visitatori pensavano che fosse un gioco oppure un’app o un’opera di un sensore nascosto che permetteva la navigazione dei contenuti poi, spiegato il funzionamento dell’algoritmo, ossia grazie alla webcam si riprendono punti facciali che permettono il movimento del video, provavano personalmente l’esperienza giudicandola “emozionante, immersiva, nuova, una figata, la vera innovazione del 2016”.

Exeperientia ti permette di visualizzare e visitare un ambiente virtuale, in questo caso, un tour delle Sale d’arte, con il movimento della testa, focalizzando per 2 secondi lo sguardo su hotspot si può cambiare ambiente oppure una scheda descrittiva dell’opera d’arte, leggere un articolo o attivare un video informativo.

Per scoprire le funzionalità clicca qui.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS