Industria 4.0 e innovazione digitale per le PMI. Ecco i bandi per trasformare l’azienda.

Trasformazione dei processi produttivi e Industria 4.0: lo Stato aiuta le PMI che vogliono digitalizzarsi.

Con Industria 4.0 intendiamo la quarta rivoluzione industriale che rappresenta una tendenza volta ad aumentare la produttività e le performance degli impianti grazie all’interconnessione e la digitalizzazione dei processi e delle risorse e il miglioramento delle condizioni di lavoro.

A partire dalla fine del 2017 è stato implementato anche il piano Impresa 4.0 che rappresenta la quarta rivoluzione industriale applicata ai servizi.

Cosa accadrà alle nostre imprese nei prossimi anni? Si prevede, entro il 2020 che molte aziende avranno reparti sempre più interconnessi e le industrie produttive, come ad esempio quelle del settore manifatturiero, innoveranno reparti di produzione puntando al risparmio energetico e all’introduzione di macchinari in grado di aiutare e svolgere alcune funzioni per manutenere le macchine in uso (si parla di Internet of Things, Iot).

In un’Italia composta per la maggior parte da micro e piccole aziende (si stima più dell’80%) questa trasformazione stenta a partire per mancanza di tempo e capitale da dedicare. Molte aziende stanno investendo per insegnare e agevolare la trasformazione 4.0 e da qualche mese anche lo Stato mette a disposizione fondi per agevolare lo sviluppo della digitalizzazione delle PMI fino a 10.000 € a fondo perduto.

AT Media, PMI innovativa che opera in tutta Italia, grazie alle competenze dei team di Ricerca e Sviluppo R&D e di comunicazione digitale ha lavorato per formare un gruppo in grado di aiutare le Piccole e Medie Imprese a fare innovazione, utilizzando i fondi che le Camere di Commercio in Italia stanno destinando alle aziende. Spesse volte la partecipazione ad un bando statale comporta un’enorme spesa di energie da parte delle aziende partecipanti e molte volte non ci sono le risorse che occupano tempo per ricercare bandi e compilare la procedura per poter partecipare. Fino al 31 dicembre 2018 AT Media provvede ad analizzare le proposte delle piccole e medie imprese che vogliono trasformarsi e fare progetti di realtà virtuale, commercio elettronico e realtà aumentata, stendere i progetti e fare l’inoltro formale della documentazione alle Camere di Commercio. Scopri come fare innovazione digitale 4.0

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Negozio online: la sfida degli e-commerce 4.0

Negozio fisico o negozio online? Come poter sopravvivere oggi?

Il settore Retail si sta completamente trasformando e segue le esigenze dei consumatori oltre che quelle tecnologiche, infatti, oggi si parla di Retail 4.0. Vediamo di cosa si tratta e quali possono essere i trend e le strategie da adottare per evitare di rimanere indietro e perdere vendite e posizionamento.

Il negozio 4.0 è in grado di agevolare sia le ricerche da parte degli utenti grazie a cataloghi, filtri e anteprime dei prodotti, sia i pagamenti, con PayPal basta avere un account in cloud per fare una transazione sicura e veloce.

Il vantaggio per l’esercente è quello di controllare e monitorare più velocemente la gestione delle merci in magazzino, l’inventario, il riassortimento delle merci, la sicurezza dei prodotti, la presentazione della merce e il tracciamento e smistamento delle spedizioni. Tutto questo è realizzabile grazie alle tecnologie Wi-fi, connessione rete veloce, smart codes, mobile e cloud, smart object.

Il primo passo per la realizzazione di un negozio online è la realizzazione di un sito e-commerce con schede prodotto e schede tecniche mirate, contenuti semplici, sezioni e filtri pensati per non far disperdere l’utente confondendolo su troppe pagine.

Il secondo passo è quello di generare un processo di acquisto e reso che sia veloce come se l’utente si recasse in punto vendita.

Ad esempio, se avete un negozio di scarpe e decidete di utilizzare come metodo di pagamento solo il bonifico bancario, il processo di acquisto e spedizione sarà sicuramente più lungo di una transazione fatta con PayPal o carta di credito. Il fattore tempo è vincente quando si parla di acquisti online e, molto probabilmente l’utente, non acquisterà nuovamente le scarpe ma sceglierà un altro negozio online per ricevere la merce in meno giorni.

Le app sono la rivoluzione degli acquisti online. Ormai il processo di selezione dei prodotti avviene per l’85% da Smartphone e nella maggior parte dei casi, la decisione e la modalità d’acquisto avviene online. Le app, a differenza di un sito o un catalogo sono molto più leggere e snelle. In pochissimi clic l’utente può trovare il prodotto, analizzare costi e schede tecniche, infine, fare paragoni con prodotti simili e decidere di acquistare.

Come fare per conquistare il pubblico ibrido che vede un prodotto in negozio e lo vuol ricevere a casa?

Il nuovo negozio online deve essere concepito per il pubblico digitale e fisico: oltre alla comunicazione sui social media, occorre fare una comunicazione anche cartacea con flyer o totem, l’utente deve poter ritirare la merce presso il punto vendita oppure riceverla comodamente a casa. Le soluzioni ibride sono quelle che risultano essere le vincenti perché riescono a prendere in considerazione tutte le persone.

Cosa accadrà nel prossimo futuro? Le tecnologie immersive a 360 gradi permetteranno di dare all’utente finale un’esperienza ancora più reale. Camerini virtuali, prodotti a 360 gradi immersivi saranno le tendenze per attirare più utenti. Immaginate di far provare un paio di guanti o un paio di occhiali virtualmente, immaginate di mettervi davanti ad un totem e cambiare cappello, gonna o stivali con un gesto della mano o della testa.

Se non sei ancora sul digital e se non hai ancora preparato il tuo negozio online non farlo da solo ma affidati a consulenti e professionisti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Tecnologia immersiva e AI bussano alle porte del giornalismo.

I mondo del giornalismo e dell’editoria stanno cambiando radicalmente grazie alla dirompente intelligenza artificiale, AI, e la tecnologia immersiva a 360 gradi.

Il modo di comunicare un fatto si è modificato radicalmente nel corso degli anni: sono cambiate le abitudini delle persone, i mezzi di comunicazione, le distanze. Pensiamo al passato ‘900, le persone si scambiavano fatti e informazioni quando si incontravano per strada o nei negozi e leggevano notizie dalle veline. L’avvento della radio e poi della TV hanno velocizzato la diffusione delle informazioni e hanno ampliato le distanze, infine interne e i social media hanno da una parte penalizzato la comunicazione fisica tra persone avvantaggiando le reti social sul web, la comunicazione non ha più una barriera spaziale e la diffusione della news è pressoché immediata. Ad esempio, oggi in pochissimo tempo possiamo scoprire la notizia di un attentato avvenuto dall’altra parte del mondo digitando sul web o leggendo le notizie da Facebook o Twitter, oppure ci basta avere Skype o Facebook per avere notizie di un amico o parente che per lavoro o vacanza è lontano da noi. E le nostre abitudini sono cambiate, oggi siamo molto più sensibili ai fatti, ad esempio siamo colpiti da un evento che accade in America o Siria mentre prima non eravamo nemmeno a conoscenza di quello che accadeva fuori dalla nostra Regione o dall’Italia.

A partire dagli anni ’40 ad oggi sono stati effettuati moltissimi studi sulla veicolazione di una notizia, il modello matematico di Shannon e Weaver è quello più semplice ma che racchiude ancora oggi i punti focali di una comunicazione corretta mentre oggi i modelli sono molto più articolati, vengono inclusi codifiche e decodifiche, lingue e linguaggi, background culturali, approcci al digital e molto altro ancora.

Modello matematico Shannon-Weaver

L’innovazione delle tecnologie ha mutato radicalmente le abitudini delle persone e la diffusione del messaggio.

L’intelligenza artificiale AI e la tecnologia a 360 gradi immersiva hanno portato un grandissimo miglioramento nel modo di comunicare un fatto nelle redazioni giornalistiche.

Le ultime gopro, le camere a 360 gradi e i droni permettono al giornalista di realizzare un servizio molto più dettagliato e ricco di approfondimenti regalando allo spettatore emozioni uniche. Pensiamo ai servizi legati alla cultura e alla natura. Con un drone a 360 gradi, un reporter può riprendere la quotidianità degli animali senza disturbarli riuscendo a cogliere anche dei momenti unici come cuccioli che giocano o il corteggiamento.

Un orso bruno osserva un drone guidato da un visitatore del rifugio per animali recuperati dai circhi e ristoranti, vicno a Zhytomyr, in Ucraina (SERGEI SUPINSKY/AFP/Getty Images)

I video a 360 gradi permettono di far conoscere il modo di lavorare degli articolisti all’interno di una redazione o gli archivi storici.

L’Intelligenza artificiale invece sta trasformando il modo di vivere nella redazione e il giornalismo con la stesura degli articoli.

Il giornalista di oggi non è solamente bravo a scrivere e ricercare immagini ma deve conoscere la realtà virtuale, il coding, deve avere buono spirito di raccolta dati e fiuto per la notizia che crea appeal. Francesco Paulo Marconi, giornalista che per molti anni ha lavorato in AP Associated Press, è stato intervistato da Mara Accettura per D La Repubblica, lui informa di utilizzare l’AI per ottimizzare il lavoro. Pezzi sugli andamenti economici e statistici, risultati sportivi o notizie con molti dati e numeri occupano solo tempo per chi fa cucina redazionale, l’AI aiuta nella stesura di questi pezzi così che i giornalisti possano dedicarsi a inchieste e notizie multimediali.

La tecnologia immersiva sta diventando di uso quotidiano sul web, Facebook ha modificato l’algoritmo per ospitare foto e video a 360 gradi, molti siti web stanno lavorando per fornire contenuti virtuali a 360 gradi. Durante il Salone Internazionale del Libro di Torino 2016 e durante SMAU Torino e Milano 2016 è stato presentato un nuovo ed esclusivo modo di leggere e sfogliare contenuti multimediali: Evolvo. Per la prima volta un libro digitale può essere letto e sfogliato solo con il movimento della testa senza usare il touch. Evolvo è per tutti, scopritelo qui in versione desktop.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Facebook, alcuni consigli per fare una promozione digitale.

Promozione su Facebook, campagne digital, ADS: sono questi termini che spesso vengono utilizzati per mettere in evidenza servizi o prodotti sul web. Come fare per partire da zero e trovare una buona linea di comunicazione?

La maggior parte delle persone pensa che, più si spende budget e più la promozione sarà efficace, ma non è del tutto vero, è fondamentale pensare e pianificare una strategia di lancio.

Come impostare una campagna PpC (pay per click) che possa dare un buon rendimento? Ecco alcuni consigli pratici per iniziare a utilizzare uno dei social media più utilizzati al mondo!

  1. Partenza

Pensa attentamente a cosa e quando vuoi proporre i tuoi contenuti. Cerca di capire la differenza tra la “colonna destra”, l’audience network, la diffusione dei contenuti su Instagram. A seconda del tuo obiettivo potrai utilizzare Instagram o solo Facebook, potrai escludere i dispositivi Mobile o includerli. La colonna destra è importante per rafforzare ulteriormente la tua promozione.

  1. Funnel

Ultimamente Funnel è un termine molto utilizzato quando si parla di lead generation. Funnel è un termine utilizzato in marketing per indicare gli step per far diventare cliente il lead freddo. Così come un imbuto rovesciato, la tua comunicazione deve prima raggiungere tante persone e poi agire per avere conversioni.

Una campagna dovrà seguire le regole del funneling, attirare, emozionare, convertire e chiudere. La piattaforma di Facebook ti aiuta a colpire il tuo pubblico: da una campagna di visibilità a quella di generazione traffico fino alla conversione. In base ai tuoi obiettivi e allo stato di discesa nell’imbuto, prova a testare differenti campagne: prima attrai con campagne di branding, poi incuriosisci l’utente e avvicinalo al prodotto con la campagna di conversione, spingilo a cliccare per acquistare il prodotto.

  1. Post sulla pagina

La pagina Facebook deve lavorare insieme al post che vuoi promuovere altrimenti lasci la tua comunicazione a metà. Scrivi e pubblica post informativi sulla pagina, metti in evidenza le informazioni dell’azienda, le tue attività soprattutto in una fase iniziale di promozione e interazione della pagina (like su pagina o like su post). Queste informazioni non sponsorizzate avvicineranno maggiormente il pubblico freddo.

  1. Creatività

Il pubblico di Facebook e Instagram ama le immagini e vuole leggere poco testo. Concentrati su un’immagine colorata, accattivante, interessante e con poco testo e inventa un copy divertente e attraente. Cerca di dare tutte le informazioni all’utente in modo chiaro e semplice, fornisci i costi e metti in evidenza la scadenza della promozione altrimenti l’utente potrà confondersi e avrà una percezione negativa della tua comunicazione.

Come incrementare il tuo ROI

Queste piccole pillole permettono di affacciarti sul mondo delle ADS Facebook. Ci sono tantissimi altri accorgimenti per organizzare una strategia performante e vincente per incrementare il tuo ROI. Per fare un buon lavoro clicca qui, i consulenti di nuovo modello di marketing potranno organizzare una campagna vincente!

Parla su Facebook usando strategie vincenti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS