Negozio online: la sfida degli e-commerce 4.0

Negozio fisico o negozio online? Come poter sopravvivere oggi?

Il settore Retail si sta completamente trasformando e segue le esigenze dei consumatori oltre che quelle tecnologiche, infatti, oggi si parla di Retail 4.0. Vediamo di cosa si tratta e quali possono essere i trend e le strategie da adottare per evitare di rimanere indietro e perdere vendite e posizionamento.

Il negozio 4.0 è in grado di agevolare sia le ricerche da parte degli utenti grazie a cataloghi, filtri e anteprime dei prodotti, sia i pagamenti, con PayPal basta avere un account in cloud per fare una transazione sicura e veloce.

Il vantaggio per l’esercente è quello di controllare e monitorare più velocemente la gestione delle merci in magazzino, l’inventario, il riassortimento delle merci, la sicurezza dei prodotti, la presentazione della merce e il tracciamento e smistamento delle spedizioni. Tutto questo è realizzabile grazie alle tecnologie Wi-fi, connessione rete veloce, smart codes, mobile e cloud, smart object.

Il primo passo per la realizzazione di un negozio online è la realizzazione di un sito e-commerce con schede prodotto e schede tecniche mirate, contenuti semplici, sezioni e filtri pensati per non far disperdere l’utente confondendolo su troppe pagine.

Il secondo passo è quello di generare un processo di acquisto e reso che sia veloce come se l’utente si recasse in punto vendita.

Ad esempio, se avete un negozio di scarpe e decidete di utilizzare come metodo di pagamento solo il bonifico bancario, il processo di acquisto e spedizione sarà sicuramente più lungo di una transazione fatta con PayPal o carta di credito. Il fattore tempo è vincente quando si parla di acquisti online e, molto probabilmente l’utente, non acquisterà nuovamente le scarpe ma sceglierà un altro negozio online per ricevere la merce in meno giorni.

Le app sono la rivoluzione degli acquisti online. Ormai il processo di selezione dei prodotti avviene per l’85% da Smartphone e nella maggior parte dei casi, la decisione e la modalità d’acquisto avviene online. Le app, a differenza di un sito o un catalogo sono molto più leggere e snelle. In pochissimi clic l’utente può trovare il prodotto, analizzare costi e schede tecniche, infine, fare paragoni con prodotti simili e decidere di acquistare.

Come fare per conquistare il pubblico ibrido che vede un prodotto in negozio e lo vuol ricevere a casa?

Il nuovo negozio online deve essere concepito per il pubblico digitale e fisico: oltre alla comunicazione sui social media, occorre fare una comunicazione anche cartacea con flyer o totem, l’utente deve poter ritirare la merce presso il punto vendita oppure riceverla comodamente a casa. Le soluzioni ibride sono quelle che risultano essere le vincenti perché riescono a prendere in considerazione tutte le persone.

Cosa accadrà nel prossimo futuro? Le tecnologie immersive a 360 gradi permetteranno di dare all’utente finale un’esperienza ancora più reale. Camerini virtuali, prodotti a 360 gradi immersivi saranno le tendenze per attirare più utenti. Immaginate di far provare un paio di guanti o un paio di occhiali virtualmente, immaginate di mettervi davanti ad un totem e cambiare cappello, gonna o stivali con un gesto della mano o della testa.

Se non sei ancora sul digital e se non hai ancora preparato il tuo negozio online non farlo da solo ma affidati a consulenti e professionisti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Tecnologia immersiva e AI bussano alle porte del giornalismo.

I mondo del giornalismo e dell’editoria stanno cambiando radicalmente grazie alla dirompente intelligenza artificiale, AI, e la tecnologia immersiva a 360 gradi.

Il modo di comunicare un fatto si è modificato radicalmente nel corso degli anni: sono cambiate le abitudini delle persone, i mezzi di comunicazione, le distanze. Pensiamo al passato ‘900, le persone si scambiavano fatti e informazioni quando si incontravano per strada o nei negozi e leggevano notizie dalle veline. L’avvento della radio e poi della TV hanno velocizzato la diffusione delle informazioni e hanno ampliato le distanze, infine interne e i social media hanno da una parte penalizzato la comunicazione fisica tra persone avvantaggiando le reti social sul web, la comunicazione non ha più una barriera spaziale e la diffusione della news è pressoché immediata. Ad esempio, oggi in pochissimo tempo possiamo scoprire la notizia di un attentato avvenuto dall’altra parte del mondo digitando sul web o leggendo le notizie da Facebook o Twitter, oppure ci basta avere Skype o Facebook per avere notizie di un amico o parente che per lavoro o vacanza è lontano da noi. E le nostre abitudini sono cambiate, oggi siamo molto più sensibili ai fatti, ad esempio siamo colpiti da un evento che accade in America o Siria mentre prima non eravamo nemmeno a conoscenza di quello che accadeva fuori dalla nostra Regione o dall’Italia.

A partire dagli anni ’40 ad oggi sono stati effettuati moltissimi studi sulla veicolazione di una notizia, il modello matematico di Shannon e Weaver è quello più semplice ma che racchiude ancora oggi i punti focali di una comunicazione corretta mentre oggi i modelli sono molto più articolati, vengono inclusi codifiche e decodifiche, lingue e linguaggi, background culturali, approcci al digital e molto altro ancora.

Modello matematico Shannon-Weaver

L’innovazione delle tecnologie ha mutato radicalmente le abitudini delle persone e la diffusione del messaggio.

L’intelligenza artificiale AI e la tecnologia a 360 gradi immersiva hanno portato un grandissimo miglioramento nel modo di comunicare un fatto nelle redazioni giornalistiche.

Le ultime gopro, le camere a 360 gradi e i droni permettono al giornalista di realizzare un servizio molto più dettagliato e ricco di approfondimenti regalando allo spettatore emozioni uniche. Pensiamo ai servizi legati alla cultura e alla natura. Con un drone a 360 gradi, un reporter può riprendere la quotidianità degli animali senza disturbarli riuscendo a cogliere anche dei momenti unici come cuccioli che giocano o il corteggiamento.

Un orso bruno osserva un drone guidato da un visitatore del rifugio per animali recuperati dai circhi e ristoranti, vicno a Zhytomyr, in Ucraina (SERGEI SUPINSKY/AFP/Getty Images)

I video a 360 gradi permettono di far conoscere il modo di lavorare degli articolisti all’interno di una redazione o gli archivi storici.

L’Intelligenza artificiale invece sta trasformando il modo di vivere nella redazione e il giornalismo con la stesura degli articoli.

Il giornalista di oggi non è solamente bravo a scrivere e ricercare immagini ma deve conoscere la realtà virtuale, il coding, deve avere buono spirito di raccolta dati e fiuto per la notizia che crea appeal. Francesco Paulo Marconi, giornalista che per molti anni ha lavorato in AP Associated Press, è stato intervistato da Mara Accettura per D La Repubblica, lui informa di utilizzare l’AI per ottimizzare il lavoro. Pezzi sugli andamenti economici e statistici, risultati sportivi o notizie con molti dati e numeri occupano solo tempo per chi fa cucina redazionale, l’AI aiuta nella stesura di questi pezzi così che i giornalisti possano dedicarsi a inchieste e notizie multimediali.

La tecnologia immersiva sta diventando di uso quotidiano sul web, Facebook ha modificato l’algoritmo per ospitare foto e video a 360 gradi, molti siti web stanno lavorando per fornire contenuti virtuali a 360 gradi. Durante il Salone Internazionale del Libro di Torino 2016 e durante SMAU Torino e Milano 2016 è stato presentato un nuovo ed esclusivo modo di leggere e sfogliare contenuti multimediali: Evolvo. Per la prima volta un libro digitale può essere letto e sfogliato solo con il movimento della testa senza usare il touch. Evolvo è per tutti, scopritelo qui in versione desktop.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Giornata della donna: International Women’s Day – Donne e tecnologie

L’8 marzo è la giornata internazionale della donna, fin dal 1908 si vuole celebrare le conquiste sociali, politiche, economiche delle donne ma anche vuol ricordare al mondo intero le violenze e le discriminazioni che le donne hanno subito nel corso degli anni passati.

Il 1907 fu il primo anno in cui, durante un congresso, fu messo in discussione il voto delle donne e, fino agli anni ’70, le associazioni e le corporazioni femminili si sono moltiplicate per far sì che le discriminazioni sociali ed economiche fossero superate. L’Italia invece ha iniziato a ricordare il valore delle donne a partire dal 1922 e a partire dal 1946 viene istituita la mimosa come fiore dedicato alla celebre giornata.

Ma quante donne oggi lavorano nel settore dell’Innovazione tecnologica e settori scientifici e soprattutto come si rapportano al mondo digitale?

Secondo studi e analisi statistiche si riporta che le donne hanno una maggiore propensione alla creatività ed al cambiamento, sono multitasking, sono portate al problem solving e al teamworking rispetto agli uomini. Queste skills, soprattutto il cambiamento ed il problem solving sono molto apprezzate in ambito di innovazione tecnologica perché occorre pensare, trovare nuove idee e anticipare i trend del futuro.

A discapito delle statistiche legate alla propensione del ruolo femminile, notiamo che nel settore dello STEM (acronimo americano Science, Technology, Engineering and Mathematics) ci sono ancora pochissime donne. Stimiamo che ce ne sono poche che hanno dimestichezza con Agile ed il PM mentre quasi nessuna nel mondo della Cyber Security o Data Protection.

Cosa accadrà nel prossimo futuro?

Sicuramente nel brevissimo termine non ci saranno grossi cambiamenti, ma le cose stanno cambiando tantissimo. Alcuni settori si stanno aprendo al mondo femminile, pensiamo soprattutto al mondo della robotica, intelligenza artificiale e realtà virtuale che, fino a qualche anno fa, erano sconosciuti alla maggior parte delle persone.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Accessibilità per tutti grazie alla tecnologia immersiva a 360 gradi

Accessibilità per tutti: questo è un tema importantissimo discusso ampiamente in ambito turistico e museale.

Secondo i dati statistici forniti dall’ultimo Ministro della Cultura, Dario Franceschini, risalenti a settembre 2017, l’Italia ha avuto un’estate da record con segnali positivi, cresce il turismo interno del 3,5% ma soprattutto le visite a borghi e musei con +12,5% di visitatori. Il boom delle visite trova riscontro anche da un punto di vista economico, musei e alberghi stanno vivendo un florido momento.

Quest’anno i temi caldi legati al turismo sono l’accessibilità dei siti per tutti e le tecnologie immersive per aiutare i turisti a visitare le città ed avere le anteprime sul web. In questi primi anni del 2018 sono stati già tenuti interventi volti a migliorare il turismo e l’accessibilità per tutti, a gennaio ad esempio è stato importante l’intervento di Carraro Lab, e l’innovazione della velocità della rete di Fastweb con il 5G lanciato a Roma qualche settimana fa.

Come si stanno muovendo le città oggi?

La città di Roma è stata protagonista del lancio della rete 5G e diversi sono i progetti dedicati alla fruizione dei contenuti a 360 per tutti, la Basilica di San Giovanni così come la Cappella Sistina sono navigabili anche a 360 gradi online.

A Padova è stato realizzato il tour virtuale del Museo SanPaolo da parte di alcuni studenti aderenti al progetto Alternanza Scuola-Lavoro.

Casale Monferrato è arrivata in finale durante l’evento per l’assegnazione del premio Capitale Italiana della Cultura 2020 ed ha presentato un dossier con la prima innovativa APP per vedere contenuti a 360 gradi immersivi del Paraboloide e altri paesaggi tipici del Monferrato. La città è stata supportata dall’innovazione a 360 gradi di Coperniko. Per la prima volta il Paraboloide è stato navigato a 360 sui Tablet solo con il movimento della testa, senza usare mouse o tastiere.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS